Image and video hosting by TinyPic
Photobucket

domenica 11 luglio 2010

...I milanesi ammazzano al sabato - Giorgio Scerbanenco -...

Non sono impazzita a causa del caldo ^__^, questo è il titolo di uno degli ultimi libri che ho terminato di leggere. Si tratta di un giallo del grandissimo Giorgio Scerbanenco.

Uno libro edito nel 1969 eppure così attuale, lo si evince sin da queste poche righe che anticipano il primo capitolo "Con la civiltà di massa oggi viene fuori anche la criminalità di massa...Ma non c'era tempo di cercare una ragazza...scomparsa da casa, vanificata, in una sterminata Milano dove ogni giorno qualcuno scompare e non si ha la possibilità di ritrovarlo".

E' la storia amara della scomparsa della povera Donatella Berzaghi, giovane donna debole di mente, misteriosamente scomparsa da casa da ormai 5 lunghi mesi. Il caso viene affidato al medico investigatore Duca Lamberti. Ben presto il nostro Duca trova la pista giusta per ritrovare Donatella, si rende conto che la giovane è stata rapita da individui privi di scrupoli, disposti ad approfittare delle sue condizioni, avviandola alla prostituzione sino ad arrivare a sbarazzarsi in maniera feroce della ragazza, perchè: "dava fastidio".

E' un venerdì quando finalmente in nostro medico - investigatore è sulle tracce dei colpevoli, ma contemporaneamente un biglietto anonimo viene consegnato al vecchio Amanzio Berzaghi, padre di Donatella, il quale da quando è rimasto vedovo ha studiato un modo per poter sorvegliare questa sua figlia così particolare proteggendola dal mondo esterno, perchè Donaltella era bellissima e non passava inosservata a causa dell'altezza e del peso ed a ogni sguardo maschile, lei sorrideva... Amanzio leggendo e rileggendo la missiva ricostruisce la vicenda che ha avuto, suo malgrado, come protagonista la sua amata bambina. E' sabato ormai ed è proprio in questa giornata che chi lavora tutta la settimana può commettere qualche cosa che non va...

Un libro che consiglio vivamente agli amanti del noir. Perchè Scerbanenco merita ancora oggi dopo 42 anni dalla scomparsa di essere letto ed amato!

Pam.

2 commenti:

Anita Camilla ha detto...

Se lo trovo in ebook, lo prendo subito! Un caro saluto, Anita Camilla

roberta67 ha detto...

Sicuramente sembra uno dei tanti casi di cronaca nera estivi attuali, di quelli che continuano ad annunciare quotidianamente sui tiggì.
E tu sai come invogliarne la lettura.